Crea sito

L’inquinamento sta ripetendo l’estinzione di massa di 252 milioni di anni fa, ecco perché

L’inquinamento sta ripetendo l’estinzione di massa di 252 milioni di anni fa, ecco perché

Circa 252 milioni di anni fa, la Terra ha subito una catastrofica devastazione – un evento di estinzione così grave da spazzare via quasi tutta la vita sulla Terra. Fino al 70% di tutte le specie di vertebrati terrestri sono state uccise e un enorme 96% di tutte le specie marine, incluso il famoso trilobite che era sopravvissuto in precedenza ad altri due eventi di estinzione di massa. Si chiama Evia-Triassico Evento di estinzione , noto anche come La Grande Moria, e per quanto ne sappiamo, è stato l’evento più calamitoso nella storia della Terra. È ampiamente riconosciuto che il cambiamento climatico è da biasimare, più specificamente, che l’attività vulcanica a lungo termine in Siberia ha sputato così tanto materiale nell’atmosfera che ha avvolto il mondo in un sudario di cenere per un milione di anni, bloccando contemporaneamente la luce solare, assottigliando l’ozono , facendo cadere la pioggia acida e aumentando le temperature. Ora gli scienziati hanno dimostrato cosa ha cancellato la vita marina: l’innalzamento delle temperature ha accelerato il metabolismo delle creature oceaniche, che accresce il loro fabbisogno di ossigeno , depletando allo stesso tempo gli oceani dell’ossigeno.

Gli animali letteralmente soffocati. E oggi stiamo sperimentando un simile riscaldamento atmosferico – solo molto più rapidamente della Grande Moria, che ha mostrato segnali di avvertimento per 700.000 anni prima dell’evento stesso. “Questa è la prima volta,” ha detto l’oceanografo Justin Penn dell’Università di Washington, “che abbiamo fatto una previsione meccanicistica su ciò che ha causato l’estinzione che può essere testata direttamente con i record fossili, il che ci consente di fare previsioni sul cause di estinzione in futuro. “

Il team ha condotto una simulazione al computer dei cambiamenti subiti dalla Terra durante il Grande Morire. Prima delle eruzioni vulcaniche siberiane, le temperature e i livelli di ossigeno erano simili a quelli che sono oggi, e questo ha dato loro una buona base di partenza. Poi hanno innalzato i gas a effetto serra nell’atmosfera del modello per imitare le condizioni dopo l’eruzione, che ha innalzato la temperatura della superficie del mare di circa 11 gradi Celsius (di 20 gradi Fahrenheit). Abbastanza sicuro, questo ha comportato un esaurimento di ossigeno di circa il 76 per cento – e circa il 40 per cento del fondo marino, per lo più a maggiore profondità, era completamente privo di ossigeno. Per osservare come questo avrebbe influito sulla vita marina, il team ha inserito nella simulazione i dati relativi ai requisiti di ossigeno di 61 specie moderne. È stato un disastro.

“Pochissimi organismi marini sono rimasti negli stessi habitat in cui vivevano – era in fuga o perirono”, ha detto l’oceanografo Curtis Deutsch dell’Università di Washington. Le più colpite sono state le creature più sensibili all’ossigeno, con la devastazione più pronunciata alle alte latitudini lontano dall’equatore. Quando la squadra ha confrontato il loro risultato con la documentazione fossile, ha confermato i risultati. Questo perché gli animali che vivono nelle acque più calde intorno all’equatore possono migrare verso latitudini più alte, dove troveranno habitat simili a quelli che hanno appena lasciato. Ma gli animali che vivono già a latitudini più alte non hanno più dove andare. In totale, i ricercatori hanno scoperto che questo ha rappresentato oltre il 50% della perdita di diversità marina del Grande Morire. Il resto è stato probabilmente causato da altri fattori come l’acidificazione della CO 2 dalle trappole della Siberia e un brusco calo della vita vegetale causato dall’assottigliamento dell’ozono. Dovremmo stare seduti e prestare attenzione a questo, hanno detto i ricercatori. Quell’aumento di temperatura di 11 gradi Celsius ha richiesto alcune migliaia di anni. Dal 1880, la temperatura media della Terra è aumentata di 0,8 gradi Celsius (1,4 Fahrenheit) – e due terzi di tale aumento si è verificato dal 1975 . E il riscaldamento degli oceani della Terra sta accelerando .

“In un contesto di emissioni business-as-usual, entro il 2100 il riscaldamento nell’oceano superiore avrà avvicinato il 20 percento del riscaldamento nel Permiano in ritardo, e entro l’anno 2300 raggiungerà tra il 35 e il 50 percento“, ha detto Penn . “Questo studio evidenzia il potenziale di estinzione di massa derivante da un meccanismo simile sotto il cambiamento climatico antropogenico”. Ricordatelo. La ricerca del team è stata pubblicata sulla rivista Science . Questa storia è stata pubblicata per la prima volta nel dicembre 2018. Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel).

L’articolo L’inquinamento sta ripetendo l’estinzione di massa di 252 milioni di anni fa, ecco perché proviene da Globo Channel – web, curiosità, scienza, tecnologia, record mondiali, video-tutorial dall’italia e dal mondo.

Giornata mondiale dell’ambiente: l’inquinamento atmosferico ci sta soffocando

Giornata mondiale dell’ambiente: l’inquinamento atmosferico ci sta soffocando

Oggi 5 giugno è la Giornata mondiale dell’ambiente. Istituita dalle Nazioni Unite, quest’anno è dedicata all’inquinamento atmosferico, agli effetti sulla salute umana e alla crisi climatica.

l’Oms oltre a uccidere 7 milioni di persone ogni anno e a compromettere lo sviluppo dei bambini, molti inquinanti atmosferici causano il riscaldamento globale, una vera e prorpia minaccia esistenziale.

L’umanità infatti sta affrontando una sfida senza precedenti, generata dall’attività umana. Per questo, secondo il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres combattere icambiamenti climatici è “la battaglia delle nostre vite”, che dobbiamo vincere, tassando l’inquinamento, mettendo fine ai sussidi per i combustibili fossili e fermando la costruzione di nuove centrali a carbone.

Le tecnologie e gli strumenti per uscire dalla crisi climatica ci sono tutte eppure ancora a dominare sono i combustibili fossili.

Per questo, il tema della Giornata mondiale dell’ambiente 2019, celebrata in oltre 100 paesi, è l’inquinamento atmosferico. Oggi più che mai l’Onu invita i governi, l’industria, le comunità e le persone a intraprendere azioni per esplorare le energie rinnovabili e le tecnologie verdi e migliorare la qualità dell’aria nelle città di tutto il mondo.

Ogni Giornata Mondiale dell’Ambiente ha un diverso paese ospitante: l’ospite di quest’anno è la Cina, con la celebrazione ufficiale che si svolgerà nella città orientale di Hangzhou, alla presenza di alti funzionari del governo cinese.

Sebbene il rapido sviluppo di molte città cinesi abbia portato a una scarsa qualità dell’aria e a problemi di salute alla popolazione, il paese ha compiuto notevoli progressi nell’affrontare l’inquinamento soprattutto negli ultimi anni.

Nella capitale cinese, Pechino, diventata quasi sinonimo di inquinamento atmosferico, la concentrazione di polveri sottili nell’aria è diminuita di un terzo negli ultimi due decenni, centrando l’obiettivo fissato dal Consiglio di Stato, principale organo amministrativo della Cina.

In occasione della Giornata mondiale dell’ambiente, Tiy Chung, addetto alle comunicazioni per la Coalizione per il clima e l’aria pulita all’UNEP, ha dichiarato che Pechino sta “mostrando la via” prendendo molto sul serio la questione e attuando politiche forti. La città, ha affermato, ha adottato un approccio sistematico basato sulla buona scienza e coordinato con successo con le regioni circostanti.

“Stiamo ottenendo un mix di buone politiche e tecnologie. La tecnologia innovativa a basse emissioni è in prima linea in una nuova rivoluzione guidata dalle politiche che spingono per ridurre l’inquinamento atmosferico e la decarbonizzazione dell’economia” ha detto Chung.

Una recente classifica pubblicata da Greenpeace ha rivelato che all’India va il triste primato di Paese più inquinato al mondo: delle prime 50 città con i livelli più elevati di anidride carbonica nell’atmosfera, 22 si trovano nel subcontinente e di queste 7 sono tra le prime 10. A seguire la Cina, dove grazie agli sforzi, le concentrazioni medie nelle città sono diminuite del 12% dal 2017 al 2018. Pechino è stata la 122a città più inquinata al mondo nel 2018.

Fonte: green me

Pesticidi, plastica e inquinamento chimico: i nostri fiumi stanno soffocando (e scomparendo)

Pesticidi, plastica e inquinamento chimico: i nostri fiumi stanno soffocando (e scomparendo)

Per fare il punto sulla situazione di laghi, fiumi, torrenti e falde in Italia, il documento intende richiamare l’attenzione sulle loro condizioni, ma anche per sottolineare esempi virtuosi. Le notizie sono buone a metà. Ancora ben un quarto delle acque superficiali europee (il 37% di quelle italiane) non raggiunge gli obiettivi di qualitàdella Direttiva Acque a causa dell’inquinamento da fertilizzanti, pesticidi e sedimenti inquinantiprodotti da aziende agricole e delle criticità che derivano dalle estrazioni idriche per l’irrigazione. A questo si aggiungono inquinamento da plastica ed emissioni industriali.

nitrati, si legge nel report, restano un problema rilevante, specie nelle regioni più critiche, come sottolinea anche la Commissione Europea con la sua lettera di costituzione in mora (procedura d’infrazione 2018/2249), così come i pesticidi, presenti nel 67% dei punti di monitoraggio delle acque superficiali e nel 34% di quelli nelle acque sotterranee. Anche l’inquinamento chimico resta una criticità per le acque comunitarie, una“minaccia per l’ambiente acquatico, con effetti quali la tossicità acuta e cronica negli organismi acquatici, l’accumulo di inquinanti negli ecosistemi e la perdita di habitat e di biodiversità.

Quest’ultimo rappresenta ovviamente una minaccia anche per la salute umana. Secondo l’Agenzia Europea dell’Ambiente solo il 38% dei corpi idrici superficiali nell’UE è in buono stato chimico mentre per il 16% lo stato è stato segnalato come “sconosciuto”. Solo nel nostro Paese, nel 2016 sono state emesse oltre 280 tonnellate di metalli pesanti direttamente nei corpi idrici, che si aggiungono alle sostanze organiche e inorganiche emesse dalle attività industriali.

Lo stato chimico non è buono per il 7% dei fiumi e il 10% dei laghi, mentre il 18% e il 42% rispettivamente non è stato classificato. La maggior parte dei fiumi non classificati
si trova nei distretti idrografici dell’Appennino Meridionale e della Sicilia (55% e 56% rispettivamente), così come per i laghi (73% e 84% rispettivamente).

“Entro il 2015, secondo la Direttiva Europea sulle Acque 2000/60, tutti i corsi d’acqua avrebbero dovuto raggiungere lo stato ecologico “buono” – ricorda Lorenzo Baio, responsabile acque per Legambiente Lombardia – ma l’Italia e la Lombardia, cronicamente in ritardo, stanno inseguendo le scadenze comunitarie che prevedono gli interventi necessari al risanamento. Gli obiettivi di qualità delle risorse idriche sono particolarmente sfidanti per la nostra regione, dato che alla scadenza del primo periodo di monitoraggio (2009/2014), risultavano in buono stato qualitativo solo il 30% dei corpi idrici e che le carenze del ciclo di depurazione delle acque reflue è uno tra i più significativi fattori di pressione responsabili della insufficiente qualità delle acque”.

Insomma, il quadro è davvero preoccupante. L’acqua resta un bene comune che spesso viene dato per scontato. Una risorsa fondamentale per ogni forma di vita e per gli ecosistemi che viene, poco saggiamente, sprecata, inquinata e non tutelata. Inoltre i frequenti fenomeni di siccità che si sono susseguiti negli ultimi anni, conseguenza diretta dei cambiamenti climatici in atto, rendono ancora più evidente la necessità di intervenire in maniera concreta e risolutiva sulla gestione di questo bene in termini di tutela, prelievi, uso e sprechi.