Crea sito

Il vero significato di ANARCHIA non è “caos” ma ASSENZA DI PADRONI

Il vero significato di ANARCHIA non è “caos” ma ASSENZA DI PADRONI

Il vero significato di ANARCHIA non è “caos” ma ASSENZA DI PADRONI

Quando un piccolo gruppo, specialmente un piccolo gruppo di predatori puri, vuole dominare l’intera umanità deve utilizzare varie strategie, la più importante delle quali è quella di insinuare nelle menti un’ingannevole visione del mondo studiata bene a tavolino, costruita ad hoc per il solo loro beneficio.

Ai predatori-psicopatici puri, protagonisti della classe dominante, si aggregano “a grappolo” gli psicopatici secondari, ossia quelli che si atteggiano come predatori puri, ma che in verità non lo sono e che diventano gli esecutori diretti della distorta visione del mondo dei loro padroni.

C’è una grande differenza tra predatori puri e predatori secondari.
I predatori puri sono circa il 3-4% della popolazione e quelli secondari sono circa il 18%.

Quelli puri, almeno fino ad oggi, lo sono dalla nascita e non possono essere recuperati in alcun modo; nascono e muoiono predatori.

Già due anni fa infatti il MIT (Massachusetts Institute of Technology) era riuscito a isolare l’empatia nel cervello usando campi elettromagnetici, e sviluppando per uso militare elmetti che permettano di uccidere senza scrupoli come è possibile ai predatori puri. Senza consapevolezza e presa di coscienza la tecnologia porta ad esserne schiavi e da essa condizionati; mai da sola la tecnologia ci aiuta a migliorare realmente…

Insieme alla paura l’arma più potente che hanno i suddetti dominatori è proprio un’ ingannevole visione del mondo costruita grazie a falsi ideologici (quali il darwinismo sociale e il relativismo morale), a scienziati corrotti (un giorno il caffè fa bene, il giorno dopo invece fa male), a religioni che manipolano le menti (il concetto salvifico paralizzante cristiano o il siamo tutti buoni dei new age) etc…

Uno degli esempi eclatanti di tale ingannevole visione del mondo è il “religioso autoritarismo”.

Ossia l’accettare (senza termini e condizioni, senza farsi domande, con totale e cieca fede) che alcuni individui reclamino e rivendichino in vari modi la loro autorità sugli altri: i governi con le loro leggi e le loro forze dell’ordine, lo stato con le sue tasse, le banche con il loro sistema monetario (che supera di gran lunga qualsiasi strozzino su questo pianeta).

I capi religiosi con i loro diktat e con le loro continue oblazioni per guadagnarsi il paradiso.

In natura questo non esiste.
Nessun albero rivendica la sua autorità sull’ombra che offre al passante che cerca riposo o nessun leone va dagli altri animali e chiede il dazio per permettere loro di continuare a rimanere vivi…
A differenza dell’albero e del leone l’essere umano, avendo il linguaggio, è capace di creare ed esprimere concetti. E’ proprio questo il punto. I concetti non sono rigidi o fissi come le leggi della natura.

Perché allora rimanere ancorati ad alcuni di essi?
Perché non n’esplorarne altri? Perché accettare senza termini e condizioni un punto di vista del mondo piramidale costruito da pochi per il privilegio di pochi ai danni di molti?

Vi siete mai chiesti se sia giusto
che alcuni individui rivendichino il loro potere sugli altri con giustificazioni
più o meno razionali?

In natura non esiste l’autoritarismo, tra gli uomini esiste invece la rivendicazione dell’avere tale potere sugli altri e considerare un “giusto” diritto (acquisito o meno) esercitarlo. Non è così. L’unica autorità legittima nell’universo è quella derivante dai suoi limiti e dalle sue condizioni: Le leggi naturali.

Non le leggi naturali conseguenti al falso ideologico del perverso darwinismo sociale, la legge del cosi detto più forte; infatti non si è mai visto un leone o un lupo predare all’interno della propria specie e/o proclamarsi “re degli animali”. Nella realtà naturale quindi non esiste l’autorità in quanto tale.

Perché quindi si accetta l’autorità?

La si accetta perché viene imposta con tecniche psicotroniche (provocando esaltazione e depressione con l’uso dei media, imponendo caldo, freddo ed emissioni elettromagnetiche provocanti disagio morale e dolore fisico) con l’uso improprio e distorto del sesso quale mezzo per degradare l’individuo e con l’eliminazione dell’identità dell’individuo.

La si accetta perché si continua a subire un ingannevole visione del mondo con gli uomini suddivisi in padroni e schiavi.
Padroni proprietari di schiavi e schiavi proprietà dei padroni.

Le parole vengono confuse, alterate e distorte dando loro significati alterati. Andrebbero sempre ricondotte al loro vero significato studiandone l’etimologia. In questo la parola Anarchia ci viene in aiuto; proviene da due radici greche:

1) A o an che significa la negazione di, l’assenza di o la mancanza di (es. apatia=assenza di sentimenti)

2) Archia viene da Arconte che nella Grecia antica era il magistrato supremo che governava o il governante.

Quindi Anarchia significa semplicemente l’assenza di arconti-governanti e di padroni proprietari di schiavi e quindi la negazione dell’esistenza di padroni e schiavi.

Chi abbraccia una visione del mondo
in cui non esiste dominatore e dominato
e padrone e schiavo è per definizione
un “Anarchico”.

Non ci sono vie di mezzo: o si accetta un mondo di carnefici e vittime, di dominatori e dominati, di padroni e schiavi o si ha una visione del mondo che neghi tutto questo. I “padroni” volendo continuare a dominare hanno associato la parola anarchia al caos, spacciando l’accettazione della schiavitù e l’essere proprietà di un padrone come necessità per evitare il caos.

La parola anarchia non ha nulla a che fare con il caos anzi è vero il contrario; solo quando ci sono individui che impongono la loro autorità con violenza su altri c’è il caos, non quando la società è composta da individui sovrani senza padroni e senza schiavi nel rispetto di ciascuno.

Solo quando c’è la vera libertà di esistere in un mondo senza padroni e senza schiavi c’è l’ordine e non il caos. Se ci si considera sovrani e si comprende (consapevolmente o inconsapevolmente) di non essere schiavi si è liberi e “anarchici” nella corretta accezione.

E’ importante distinguere la differenza tra forza e violenza: solo quando effettivamente si comprende cosa significhi “violenza” si può realizzare la differenza tra avere un diritto o non averlo.

Forza e violenza sono infatti
diametralmente opposte.

La forza è un diritto che ci appartiene e rimane sempre un diritto. E’ capacità ed energia da cui scaturisce il nostro modificare la realtà. Costruire, pulire o spostarsi sono parte del concetto di forza che viene applicata quotidianamente in armonia con le leggi naturali e senza violare i diritti degli altri.

Quando si usa la forza in maniera coercitiva contro la libertà degli altri e la si usa contro un essere pacifico e tranquillo, disturbando, danneggiando, privando di sicurezza e serenità, giungendo perfino all’estremo limite dell’omicidio o dell’induzione al suicidio non è più forza, ma violenza.

La violenza non è mai un diritto e viene dalla parola “violare” ossia introdursi in uno spazio che non è proprio mettendo a rischio la sicurezza e la serenità altrui, è l’uso immorale e coercitivo del potere fisico e non solo contro gli altri.

Nell’ideologia dell’aggressione, nel mondo dei padroni e degli schiavi, la violenza è la regola e prevaricare è la normalità:

– Violenza è imporre leggi che non considerano l’Essere Umano.

– Violenza è salvare le banche (sono comunque imprese private, quindi con scelta di rischio) a scapito degli Esseri Umani.

– Violenza è richiedere continuamente tasse e interessi stratosferici, considerare l’Essere Umano solo come un consumatore; non occuparsi in alcun modo delle necessità della popolazione etc…questa è violenza!

L'”arcontista” (l’opposto dell'”anarchico”) è chi vuole un mondo a beneficio e a privilegio di pochi, con la visione di una società fatta di violenza, di padroni e schiavi, di carnefici e vittime, di parassiti e parassitati.

Chi vuole invece un mondo di individui “sovrani” senza violenza e senza padroni, a beneficio e nel rispetto di tutti: Esseri Umani, animali, la natura, il pianeta, può essere chiamato “anarchico”.

Vi siete mai chiesti quale sia l’obbiettivo principale dell’educazione scolastica?

E’ quello di condizionare e di fare accettare un mondo fatto di padroni e schiavi e trasformare tutti in “arcontisti” che continuino a sostenere l’ingannevole e limitante pensiero unico dell’autoritarismo in tutti gli aspetti della nostra società.

Fuori dalla fabbrica, fuori dall’inferno ( Lettera di un disadattato moderno)

Fuori dalla fabbrica, fuori dall’inferno ( Lettera di un disadattato moderno)

Tempo fa ho ricevuto questa bellissima lettera da un ragazzo di 27 anni che preferisce rimanere anonimo. Nel titolo ho voluto usare il termine “disadattato moderno”, per evidenziare in modo ironico come oggi vengono soprannominati tutti quelli che trovano insensato e profondamente sbagliato questo modo di vivere:

“La giornata finalmente è finita, e tiro un respiro di sollievo mentre percorro l’interminabile corridoio di questa maledetta fabbrica per raggiungere lo spogliatoio, dove, con grande sollievo raccoglierò le mie cose e terrò sulla mia mano destra la chiave della macchina per portarmi in fretta, o quasi, a casa. Via di qui e alla svelta !

Fuori il sole sta già tramontando ma non sono dell’umore giusto per ammirarlo, gli uccellini cantando sui rami degli alberi sembrano quasi prendersi gioco di me e di tutti noi, forse si stanno chiedendo come mai ogni giorno scegliamo di rinchiuderci in quella gabbia di cemento per 8 interminabili ore al giorno, entrando freschi come rose ed uscendo ogni volta stanchi morti.

Certo quelli uccellini mica devono fare i conti con l’affitto, i mutui, non devono andare al supermercato per fare la spesa, loro hanno sempre un sacco di tempo libero, ecco perché cantano tanto nonostante la costante minaccia di essere sbranati da un gatto che gli tende un agguato, ma infondo quel pericolo rappresenta tutto sommato una morte dignitosa se paragonato all’ebrezza del volare liberi e spensierati.

Mentre apro la macchina mi sento confuso, ho fame, ho sete, ho voglia di andare a casa e sdraiarmi sul divano, la stanchezza prevale in me e mi accompagnerà fino a cena.

Risultati immagini per chiuso in camera
La sera tutto si fa più tranquillo, ma so già che la notte faticherò a prender sonno nonostante sia stanco morto, i dottori parlano di ansia, ma si chiedono mai quest’ansia da dove nasce?

Nasce dal pensare che domani sarà un altro giorno uguale ad oggi e uguale a ieri, io quella sveglia non la sopporto, come non sopporto quel vestirmi di fretta per raggiungere la cucina altrettanto di fretta, per poi mangiare un boccone in fretta per avere il tempo appena sufficiente di raggiungere il bagno per fare i miei sacrosanti bisogna ancora una volta di fretta!

Ansia, ansia, ansia !!!

Ansia che solo chi come me odia questo stupido modo di vivere può comprendere, perché parlano facile quelli che si sono adattati a tutto questo a dire che il nostro problema è che non abbiamo voglia di lavorare, ma la verità è che non tutti nasciamo “adattabili”, ci sono persone come me che hanno bisogno di stimoli per fare le cose, non solo di ordini!

Risultati immagini per adattatiNo, non sono capace di adattarmi a questo stile di vita e mai lo farò, trovo e troverò sempre orribile costringere gli esseri umani a passare intere giornate in fabbrica o altrove per poter continuare ad esistere, ma gli adattati privi di fantasia, privi di sogni, privi di ispirazioni, privi di un briciolo di poesia nei confronti della vita non possono capire la sofferenza quotidiana che provano tutti quelli come me a dover svolgere un lavoro che non piace.

Gli adattabili non sanno cosa significa la tortura delle ore che non passano mai, non sanno cosa significa il nodo alla gola all’inizio turno, non sanno cosa significano quelle maledette notti insonni o quel profondo senso di malinconia che si prova la domenica sera prima di ricominciare da capo la settimana, non sanno cosa significa sentirsi sempre stanchi morti perché ci si sente costretti a fare ciò che non piace.

E non basta un caffè per renderci attivi, perché quando si è stufi dentro si diventa apatici verso il mondo, ma io non voglio anestetizzare la mia sofferenza mentale a suon di psicofarmaci.

Risultati immagini per odiare il lavoroNessuno in realtà si preoccupa di chi odia lavorare, ma io non chiedo di non fare niente tutto il giorno, non chiedo di fare il mantenuto a vita, chiedo solo mi sia data la possibilità di fare un lavoro che mi piace, che mi stimoli ad andare avanti e se questo non è possibile vorrei solo lavorare meno, due, tre giorni la settimana al massimo o in alternativa cinque mattine la settimana, accetterò il fatto di guadagnare meno dei miei coetanei, accetterò il fatto di dover rinunciare a tante cose materiali, tirerò la cinghia pure sul mangiare se questo sarà necessario, ma voglio lavorare meno e godermi di più la vita, non chiedo grandi cose, solo il mio tempo e il diritto di spenderlo come voglio, anche se questo significa passare le mie ore a fissare l’infinito fuori dalla finestra.

Se non otterrò questo, se non otterremo questo, allora vorrà dire che questa società è profondamente malvagia ed io in un mondo simile mai e poi mai metterò al mondo un nuovo schiavo, destinato, magari come me, a detestare questa splendida vita per via di un lavoro che, come una zecca, succhia via tutte le energie giorno dopo giorno, portandoti ad odiare quel che è il dono più prezioso…

Si, sono uno svogliato, uno scansafatiche, sono uno che ama perdere tempo come dite voi, ma ho anche io il diritto di vivere.”

fonte:https://laschiavitudellavoro.blogspot.it/2018/03/fuori-dalla-fabbrica-fuori-dallinferno.html

Il Primo Maggio non è una Festa.

Il Primo Maggio non è una Festa.

Non potrà essere una festa quella che retoricamente sarà celebrata oggi in qualche frammento televisivo, sottratto all’ultima avventura notturna della velina di grido e la partita di calcio.

Non è una festa per chi il lavoro non lo ha, e che magari non lo sta più cercando, per quelli che lo hanno perso per le svariate concomitanze che alla fine si riducono nelle solite leggi di mercato, per quelli che alla fine si sono suicidati, nel silenzio dell’informazione ufficiale, e che tecnicamente non potranno partecipare alle manifestazioni, essendo morti.

Non è una festa per gli studenti di vario grado, illusi da vari percorsi accademici, con variopinti effetti speciali, che mirano esclusivamente a garantire i baroni e le loro cattedre, scolpite nel marmo delle raccomandazioni e delle conventicole del nostro sistema clientelare, aspiranti lavoratori in attesa della futura Genna, costituita da stage non retribuiti, lontananza dagli affetti familiari, condivisioni di sottoscala a prezzi inaccessibili, e ovviamente in nero, fonte di licenze rendite per certi speculatori, pronti alla confessione e conseguente perdono domenicale.

Ma, pensate un po’, non è nemmeno la festa di chi il lavoro ce l’ha e, sembra essere un privilegiato, uno che non si deve assolutamente lamentare, perché in grado di sostenersi e, soprattutto, comprare le sporcizie che il mercato mette a disposizione.

Ma quale prezzo? Il prezzo di vivere con le briciole che i padroni lasciano cadere dal tavolo della festa. Certo l’alcol, le partite di calcio, le vacanze di Ferragosto, la macchina nuova, comprata a rate e utilizzata per andare al lavoro, potranno sembrare argomenti validi per continuare a strisciare lungo i marciapiedi delle ore infinite rubate alla vita per produrre oggetti inutili che lo stesso mercato renderà poi appetibili.
Il primo maggio in sintesi non è proprio una festa per questa moltitudine di schiavi moderni che il sistema definisce lavoratori.
Gli unici che possono gioire sono, come al solito i padroni, i parassiti della società, coloro che, espropriando la vita al prossimo, possono godere appieno la propria.