Crea sito

L’Olocausto dei nativi americani: una strage di cui nessuno parla

L’Olocausto dei nativi americani: una strage di cui nessuno parla

Accanto al dramma della Shoah entrato tristemente nei libri di scuola esiste un altro massacro, quello di cui nessuno parla, quello che ogni anno non viene celebrato, quello che non restituisce dignità alle vittime.

È l’olocausto degli Indiani d’America, lo sterminio di tutte le etnie indie che popolavano il continente prima dell’arrivo degli occidentali. È conosciuto anche come i “500 anni di guerra”, perché furono uccisi quasi 100 milioni di esseri umani in nome della colonizzazione.

Non morirono solo i nativi, ma anche le loro tradizioni, la cultura e venne distrutto per sempre un habitat naturale incontaminato.

La scoperta dell’America fu per i nativi l’inizio della fine perché quella data segnò l’avanzata del massacro che si concluse solo nella Prima guerra mondiale.

Intere comunità vennero sterminate all’interno dei loro villaggi dagli eserciti regolari, alcuni morirono perché gli occidentali portarono con sé vaiolo e altre malattie, altri di fame dopo la devastazione di piante e animali.

LEGGI anche: INDIGENI GUARANÌ SOTTO ATTACCO: ECCO COME MUORE CHI DIFENDE LA TERRA IN BRASILE (FOTO E PETIZIONE)

L’intero continente americano fu trasformato dopo l’arrivo di Colombo e gli occidentali non fecero altro che quello che Hitler attuò nei campi di concentramento. In numerosi testi storici, viene raccontato che il dittatore nazista per la sua idea folle di sterminio degli ebrei a favore della razza ariana, si ispirò proprio all’Olocausto dei nativi americani.
Per l’olocausto americano, gli occidentali si appellarono al fatto che i nativi non avevano intenzione di sottomettersi al popolo bianco, cedendo le loro terre ancestrali e incontaminate, a uso e consumo degli occidentali.

L’atteggiamento, già dalla scoperta dell’America, era chiaro: i colonizzatori si erano eretti a entità superiori giudicando i nativi come “selvaggi e da civilizzare”.

Proviamo a sintetizzare il perché si arrivò allo scontro. Ci sono tantissimi motivi alla base anche se tutto è legato da un unico filo conduttore, quello di impossessarsi di terre e ricchezze dei nativi, spesso però guerre e uccisioni vennero giustificate da motivi ideologici.

Nel corso del XVI a decimare i pellerossa ci pensarono anche vaiolo, influenza, varicella, morbillo, tutte patologie sbarcate assieme agli occidentali.

Malattie inesistenti in America, per questo mentre le popolazioni europee avevano sviluppato anticorpi, gli indiani si ammalarono e morirono senza cure. Si stima che circa un decimo dell’intera popolazione mondiale fu decimato.

Durante la guerra di secessione americana, tra gli episodi da non dimenticare, c’è il massacro Sand Creek del 29 novembre 1864, avvenuto durante la guerra del Colorado. Un episodio tragico in cui 600 nativi americani membri delle tribù Cheyenne meridionali e Arapaho, vennero attaccati da 700 soldati comandati dal colonnello John Chivington, nonostante i trattati di pace stipulati con i capi tribù locali.

Un massacro senza precedenti di donne e bambini che sfociò in diverse investigazioni da parte dell’esercito statunitense.

fonte:https://www.greenme.it/vivere/costume-e-societa/22778-olocausto-indigeni-americani?fbclid=IwAR3DxNLh2p1j27ahCDDM-42Bh6mMlC73xiSSh7SMjXeLF7En64r-Uejdx1I

Cari Tg, avete cancellato l’olocausto di Aleppo dai vostri titoli

Cari Tg, avete cancellato l’olocausto di Aleppo dai vostri titoli

Aleppo dolente e vestita a lutto, la polvere che si può mettere sotto il tappeto, non l’umanità ferita a morte.che prova a salvare i bambini da sotto le macerie, che seppellisce quelli che non ce l’hanno fatta, non può sparire del tutto o dalle prime pagine dei nostri Tg.
Dopo i massicci bombardamenti di ieri, questa mattina due milioni di persone, mentre piangevano altre decine di morti, facevano i conti con l’acqua che manca e che chissà per quanto mancherà. Lo spettro della sete e delle malattie, dunque,dopo la  pioggia di bombe al fosforo, con interi quartieri rasi al suolo, morti su morti, e i bambini come bambolotti disarticolati, che con la gola piena di polvere passano alla coperta pesante della terra.
Cari Tg che lo avete fatto, l’olocausto di Aleppo non può sparire dai vostri spazi, dai vostri titoli. Lo ripeto, è la polvere che si può mettere sotto il tappeto, non l’umanità ferita a morte.
Sono costretto a sottolinearlo: una palazzina che crolla a Roma, fortunatamente senza fare vittime, è cosa grave e va denunciato un modo approssimativo, tutto italiano, di (non) governare il nostro patrimonio edilizio, che spesso è da rottamare programmaticamente, senza affidarsi agli eventi. Ma l’evento di Roma non può, come pure è accaduto, al Tg2 delle 13, prendersi l’apertura mentre a Damasco si vivono le ore più lunghe. No, l’occhio della nostra informazione, dell’informazione televisiva del servizio pubblico, appare appesantito da provincialismo, da localismo.
Quel che accade in Siria non è una cosa lontana, che non ci appartiene. Il nostro drammatico tempo gira attorno alla vita o alla morte di Damasco, lontano da ponte Milvio.

fonte:http://www.globalist.it/media/articolo/205958/cari-tg-avete-cancellato-l-039-olocausto-di-aleppo-dai-vostri-titoli.html