Crea sito

Abbiamo perso i Diritti conquistati con fatica nel 1968

Abbiamo perso i Diritti conquistati con fatica nel 1968

Questo cambiamento in senso antilibertario dimostra, oltre al resto, che in uno stato, in una società massificata e governata dall’esterno,quelli che noi chiamiamo diritti in verità non hanno mai carattere duraturo, e quindi non sono dei diritti, ma delle concessioni a scadenza.

Le masse vengono guidate come greggi, trasportate dove vogliono i pastori. le coscienze si modificano, i punti di vista cambiano a seconda del tipo di orientamento che i pastori decidono. decenni fa, un tipo di coscienza collettiva di tendenza libertaria, proveniente dall’anima del ’68, aveva mosso le acque a favore di certi diritti che avevamo conquistato con lotte di piazza che sono durate molti anni, pensiamo

Anche all’epoca c’erano le due fazioni ‘anti’ e ‘pro’, ma vinse quella pro aborto. se oggi si vuol rimettere in discussione tutto quel che si era conquistato, se un grado elevato di oscurantismo e fascismo ha preso piede progressivamente fino a ribaltare gli orientamenti che avevamo intrapreso nei ’70, è semplicemente perché, soprattutto le nuove generazioni (i nati negli anni ’80), hanno subìto una formazione culturale educativa in grado di vanificare le lotte che avevamo fatto in passato e portare l’asse della coscienza collettiva sul settore autoritario, provocando il cambiamento che, noi ‘vecchi’, stiamo vedendo e subendo oggi.

Forse la colpa è da ricercarsi anche nel fatto che nei ’70 il valore autenticamente libertario della vita è stato messo in discussione dai ‘rivoluzionari di professione’ rinchiusi nell’ideologia di partito e di stato, ma una cosa rimane sempre certa: lo stato e la cultura che ne permette l’esistenza vanno abbattuti e distrutti, e questo lo si può fare soltanto distruggendoli anzitutto in noi stessi.

Tutto il resto è solo riformismo e paura di cambiare.

Fonte: la schiavitu del lavoro