Crea sito

È molto probabile che la civiltà umana finirà’ nel 2050

È molto probabile che la civiltà umana finirà’ nel 2050

Un’analisi drammatica dello scenario che porterà al collasso la civiltà umana nei prossimi decenni per via del cambiamento climatico è stata validata da un ex capo della Difesa Australiana e comandante della marina reale.

L’analisi, pubblicata dal Breakthrough National Centre for Climate Restoration — un centro di ricerca e innovazione a Melbourne, in Australia — descrive il cambiamento climatico come “una minaccia su breve-medio termine all’esistenza della civiltà umana,” e delinea lo scenario catastrofico a cui, se continuiamo a fare finta di niente, è ben plausibile che arriveremo nel giro di 30 anni.

Il paper sostiene che “le conseguenze estremamente serie” dei rischi di sicurezza che la crisi climatica comporta sono, in molti casi, più probabili di quanto si assume, ma quasi impossibili da quantificare, perché “escono dal tracciato dell’esperienza umana degli ultimi mille anni.”

Al momento, avverte il report, “i sistemi del pianeta e quelli umani raggiungeranno ‘un punto di non ritorno’ entro metà secolo, e la prospettiva di una Terra in gran parte inabitabile porterà al crollo delle nazioni e dell’ordine internazionale.”

Stando al report, l’unico modo per evitare questo scenario e tutti i rischi relativi è “una mobilitazione di emergenza simile per proporzioni a quella della Seconda Guerra Mondiale” — ma, questa volta, concentrata a costruire rapidamente un sistema industriale a zero emissioni per avviare il ripristino di un clima sicuro.

Inoltre — spiega il paper — la traiettoria su cui siamo ora ci porterà a raggiungere i 3°C di riscaldamento globale, che a loro volta amplificheranno i processi di feedback ambientale che provocano un ulteriore riscaldamento. Di conseguenza, il collasso di ecosistemi fondamentali “compresi i sistemi di barriera corallina, la foresta amazzonica e l’Artico” accelererà.

Il risultato sarebbe devastante. Qualcosa come un miliardo di persone sarebbe costretto a migrare da condizioni invivibili, e due miliardi vivrebbero comunque in condizioni in scarsità idrica. L’agricoltura collasserebbe nella regione sub-tropicale e la produzione di cibo si ridurrebbe drammaticamente a livello mondiale. La coesione interna di nazioni-stato come gli Stati Uniti e la Cina crollerebbe.

“Anche se il riscaldamento si fermasse a 2°C, oltre un miliardo di persone avrà bisogno di spostarsi e, nelle previsioni più estreme, la scala di distruzione appare oltre le nostre capacità di simulazione, con un’alta probabilità che la civiltà umana finisca,” sottolinea il report.

Il nuovo report è scritto da David Spratt, direttore della ricerca di Breakthrough, e Ian Dunlop, un ex dirigente della Royal Dutch Shell (la compagnia petrolifera), che, in precedenza, è stato anche a capo della Australian Coal Association.

Nell’introduzione del documento, l’ammiraglio (ora in pensione) Chris Barrie — Capo delle Forze di Difesa Australiane dal 1998 al 2002 ed ex vice capo della Marina Australiana — loda il paper per aver messo “nero su bianco la verità nuda e cruda sulla situazione disperata in cui gli esseri umani e il nostro pianeta si trovano, dipingendo un quadro inquietante della possibilità concreta che la vita umana sulla Terra possa essere a un passo dall’estinzione, nel modo peggiore possibile.”

Barrie ora lavora per il Climate Change Institute alla Australian National University di Canberra.

Spratt ha detto a Motherboard che la ragione principale per cui i rischi che stiamo correndo non sono compresi è che “molta della conoscenza prodotta per chi deve emanare leggi è troppo prudente. Ma i rischi ora sono esistenziali, per questo è necessario un approccio nuovo al clima e al determinare i rischi per ognuno tramite l’analisi degli scenari.”

A ottobre scorso, il già drammatico report dell’IPCC che era stato commissionato dall’ONU per i governi, è stato dichiarato su basi scientifiche troppo ottimista.

Per quanto lo scenario del Breakthrough sviluppi alcune delle possibilità di rischio più ‘estreme’, è spesso impossibile quantificare davvero la loro probabilità. Per questo, gli autori enfatizzano il fatto che gli approcci convenzionali al rischio tendono a non essere sufficienti negli scenari peggiori, a prescindere dalla plausibilità.

Lo scenario del 2050 di Spratt e Dunlop illustra quanto facilmente potremmo trovarci in una situazione climatica accelerata, dove basteranno un paio di decenni perché questo pianeta sia in grossa parte inabitabile.

“Uno scenario estremo per il 2050 vede un mondo al collasso sociale e nel caos,” ha detto Spratt. “Ma esiste ancora una piccola finestra di opportunità per una mobilitazione di risorse globale e d’emergenza, in cui l’esperienza logistica e strategica dei settori di sicurezza nazionali potrebbero giocare un ruolo importante.”

L’inquinamento sta ripetendo l’estinzione di massa di 252 milioni di anni fa, ecco perché

L’inquinamento sta ripetendo l’estinzione di massa di 252 milioni di anni fa, ecco perché

Circa 252 milioni di anni fa, la Terra ha subito una catastrofica devastazione – un evento di estinzione così grave da spazzare via quasi tutta la vita sulla Terra. Fino al 70% di tutte le specie di vertebrati terrestri sono state uccise e un enorme 96% di tutte le specie marine, incluso il famoso trilobite che era sopravvissuto in precedenza ad altri due eventi di estinzione di massa. Si chiama Evia-Triassico Evento di estinzione , noto anche come La Grande Moria, e per quanto ne sappiamo, è stato l’evento più calamitoso nella storia della Terra. È ampiamente riconosciuto che il cambiamento climatico è da biasimare, più specificamente, che l’attività vulcanica a lungo termine in Siberia ha sputato così tanto materiale nell’atmosfera che ha avvolto il mondo in un sudario di cenere per un milione di anni, bloccando contemporaneamente la luce solare, assottigliando l’ozono , facendo cadere la pioggia acida e aumentando le temperature. Ora gli scienziati hanno dimostrato cosa ha cancellato la vita marina: l’innalzamento delle temperature ha accelerato il metabolismo delle creature oceaniche, che accresce il loro fabbisogno di ossigeno , depletando allo stesso tempo gli oceani dell’ossigeno.

Gli animali letteralmente soffocati. E oggi stiamo sperimentando un simile riscaldamento atmosferico – solo molto più rapidamente della Grande Moria, che ha mostrato segnali di avvertimento per 700.000 anni prima dell’evento stesso. “Questa è la prima volta,” ha detto l’oceanografo Justin Penn dell’Università di Washington, “che abbiamo fatto una previsione meccanicistica su ciò che ha causato l’estinzione che può essere testata direttamente con i record fossili, il che ci consente di fare previsioni sul cause di estinzione in futuro. “

Il team ha condotto una simulazione al computer dei cambiamenti subiti dalla Terra durante il Grande Morire. Prima delle eruzioni vulcaniche siberiane, le temperature e i livelli di ossigeno erano simili a quelli che sono oggi, e questo ha dato loro una buona base di partenza. Poi hanno innalzato i gas a effetto serra nell’atmosfera del modello per imitare le condizioni dopo l’eruzione, che ha innalzato la temperatura della superficie del mare di circa 11 gradi Celsius (di 20 gradi Fahrenheit). Abbastanza sicuro, questo ha comportato un esaurimento di ossigeno di circa il 76 per cento – e circa il 40 per cento del fondo marino, per lo più a maggiore profondità, era completamente privo di ossigeno. Per osservare come questo avrebbe influito sulla vita marina, il team ha inserito nella simulazione i dati relativi ai requisiti di ossigeno di 61 specie moderne. È stato un disastro.

“Pochissimi organismi marini sono rimasti negli stessi habitat in cui vivevano – era in fuga o perirono”, ha detto l’oceanografo Curtis Deutsch dell’Università di Washington. Le più colpite sono state le creature più sensibili all’ossigeno, con la devastazione più pronunciata alle alte latitudini lontano dall’equatore. Quando la squadra ha confrontato il loro risultato con la documentazione fossile, ha confermato i risultati. Questo perché gli animali che vivono nelle acque più calde intorno all’equatore possono migrare verso latitudini più alte, dove troveranno habitat simili a quelli che hanno appena lasciato. Ma gli animali che vivono già a latitudini più alte non hanno più dove andare. In totale, i ricercatori hanno scoperto che questo ha rappresentato oltre il 50% della perdita di diversità marina del Grande Morire. Il resto è stato probabilmente causato da altri fattori come l’acidificazione della CO 2 dalle trappole della Siberia e un brusco calo della vita vegetale causato dall’assottigliamento dell’ozono. Dovremmo stare seduti e prestare attenzione a questo, hanno detto i ricercatori. Quell’aumento di temperatura di 11 gradi Celsius ha richiesto alcune migliaia di anni. Dal 1880, la temperatura media della Terra è aumentata di 0,8 gradi Celsius (1,4 Fahrenheit) – e due terzi di tale aumento si è verificato dal 1975 . E il riscaldamento degli oceani della Terra sta accelerando .

“In un contesto di emissioni business-as-usual, entro il 2100 il riscaldamento nell’oceano superiore avrà avvicinato il 20 percento del riscaldamento nel Permiano in ritardo, e entro l’anno 2300 raggiungerà tra il 35 e il 50 percento“, ha detto Penn . “Questo studio evidenzia il potenziale di estinzione di massa derivante da un meccanismo simile sotto il cambiamento climatico antropogenico”. Ricordatelo. La ricerca del team è stata pubblicata sulla rivista Science . Questa storia è stata pubblicata per la prima volta nel dicembre 2018. Questo articolo è stato scritto anche grazie al contributo di alcuni utenti del web (a tal proposito ricordiamo che scrivendo alla Pagina https://www.facebook.com/GloboChanneldotcom/ è possibile inviare segnalazioni, osservazioni anche con foto e video, inoltre è possibile seguire tutte le news anche su Telegram all’indirizzo https://t.me/globochannel).

L’articolo L’inquinamento sta ripetendo l’estinzione di massa di 252 milioni di anni fa, ecco perché proviene da Globo Channel – web, curiosità, scienza, tecnologia, record mondiali, video-tutorial dall’italia e dal mondo.

Gli esseri umani in 44 anni hanno spazzato via il 60% degli animali selvatici

Gli esseri umani in 44 anni hanno spazzato via il 60% degli animali selvatici

L’attività dell’uomo ha causato un calo massiccio degli animali selvatici negli ultimi decenni.

A rilevarlo è un rapporto del Wwf, che afferma che pesci, uccelli, anfibi e rettili sono stati decimati, arrivando a diminuire del 60 per cento tra il 1970 e il Il pianeta, secondo l’Ong, sta perdendo la biodiversità a un ritmo registrato solo durante le estinzioni di massa.

Il rapporto Living Planet Report, che esce ogni due anni, esorta i politici a stabilire nuovi obiettivi in funzione di uno sviluppo sostenibile del pianeta.

Per il Wwf solo un quarto della superficie terrestre del mondo è ora libero dall’impatto dell’attività umana, e la proporzione scenderà a un decimo nel 2050. Il cambiamento è legato alla crescente produzione di cibo e alla domanda di energia, terra e acqua.

A minacciare le specie selvatiche sono soprattuto il sovrasfruttamento e il consumo eccessivo delle risorse naturali da parte dell’uomo.

Di grande rilevanza è anche il cambiamento climatico, così come l’inquinamento e altri fattori come la presenza di specie invasive, dighe e miniere.

Il Sudamerica e l’America Centrale hanno sofferto il più drammatico declino delle popolazioni di vertebrati, una perdita dell’89 per cento rispetto al 1970.

Le specie di acqua dolce – che vivono in laghi, fiumi e zone umide – sono particolarmente a rischio, afferma il rapporto, e hanno registrato un calo dell’83 per cento.

Il Wwf chiede quindi una nuova intesa globale che migliori gli accordi di Parigi del 2015, e che riesca ad affrontare il problema dei cambiamenti climatici portando a una riduzione delle emissioni di gas serra.

I dati, raccolti da numerosi studi, coprono oltre 16.700 popolazioni appartenenti a 4mila specie in tutto il mondo.

“La situazione è davvero pessima e continua a peggiorare”, ha detto il direttore generale del Wwf Marco Lambertini. “L’unica buona notizia è che ora sappiamo esattamente quello che sta succedendo”.

Read more