Crea sito

Virgilio motta la storia dimenticata tra selfie e strette di mano

Virgilio motta la storia dimenticata tra selfie e strette di mano

Nel 2009 c’era un tifoso dell’Inter che aveva appena steso il suo striscione.
Virgilio Motta si chiamava.
Aveva fondato un gruppo di tifosi chiamati Banda Bagaj: anziani, famiglie e, soprattutto, bambini che vanno allo stadio per sferrare sorrisi e organizzare abbracci.
Quel giorno del 2009 era il giorno del derby e Virgilio Motta aveva portato allo stadio almeno 150 ragazzini.

Nel secondo anello, quello sopra di lui occupato dagli ultras milanisti, avevano appena messo su una coreografia bellissima, di quelle che uno lo capisce subito che siamo al derby; solo che stavolta, a differenza delle altre volte, i tifosi rossoneri non avevano tirato via i grandi striscioni che erano rimasti penzoloni e impedivano ai tifosi dell’Inter che erano nel primo anello di guardare la partita.

Mo perché non li avessero tirati via non è chiarissimo: qualcuno dice che da quando la Fossa dei Leoni, lo storico gruppo ultras che gestiva tutta la Curva Sud, si era sciolta per cose un po’ oscure e legate alla ‘ndrangheta, c’era un po’ di casino per ristabilire le gerarchie.

So cose astruse da curvaroli e magari pure Virgilio ste cose non le sapeva bene.
E non sapeva neppure che se tocchi lo striscione di un gruppo ultras commetti peccato mortale, pure se sta lì appeso e non ti permette di vedere la partita.

E questo accade: qualcuno strappa lo striscione, alcuni ultras del milan se ne accorgono e scendono al primo anello per vendicare l’imperdonabile offesa. E picchiano gente un po’ a casaccio, gente normale, tifosi normali, non ultras come loro.

Virgilio si trova in mezzo e viene colpito da un cazzotto che gli fa esplodere il bulbo oculare e lo lascia cieco da un occhio. Per sempre.

Il processo dura qualche mese e trova il colpevole che viene condannato in primo grado a 4 anni e mezzo di prigione.
E al pagamento di 140.000 euro per i danni arrecati.

Ma Virgilio quei soldi non li avrà mai perché i suoi giustizieri sono nullatenenti e lui sperava tanto di averli per provare ad operarsi in America e ritrovare la vista.
Niente.

Virgilio perde il lavoro, cade in depressione e tre anni dopo si ammazza. Si ammazza proprio con le sue mani.

Il condannato invece è vivo e vegeto e oggi si abbraccia e si fa le fotine col Ministro degli Interni e Vicepresidente del Consiglio.

E tutti muti e a votare il decreto sicurezza perché la criminalità fa paura solo quando viene da lontano.
Quando ce l’hai davanti agli occhi, è meglio tenersela abbracciata che non si sa mai.

(Giuseppe Colella)

40 carabinieri contro 8 donne: il manuale dello sgombero a Milano

40 carabinieri contro 8 donne: il manuale dello sgombero a Milano

14225490_1745128145712122_5729513040859085593_nPrendete 40 carabinieri e ordinate una carica su un gruppo di 8 donne. Il risultato è tre di queste, fra cui una minorenne, in ospedale – presso il centro Ortopedico Galeazzi di Milano. Per una donna si è temuto il trauma cranico dopo che la stessa ha lamentato un appannamento parziale della vista. Il referto medico verrà consegnato solo oggi in giornata.

Accade mercoledì mattina in via del Danubio 6, Bruzzano, periferia nord della città. Lo sgombero effettuato ai danni di una famiglia occupante: padre, madre, figlia di quindici mesi – che con ogni probabilità fra un anno si vedranno riconosciuti i requisiti per la casa popolare, come accade sempre più di frequente in questi casi. Nel frattempo Aler preferisce metterli per strada e forzare la mano al tavolo della Prefettura per la programmazione degli sgomberi, indicando il nome di quella specifica famiglia. E per non saper né leggere né scrivere, la forza pubblica decide anche di sfasciare i servizi igienici della casa, in modo tale da renderla non abitabile e impedire occupazioni future. Proprio come avveniva cinque anni fa, quando l’Azienda lombarda per l’edilizia residenziale “assumeva” gruppi di sudamericani per mettere fuori uso le case svuotate dagli inquilini abusivi, con tanto di mazze.

Questa volta viene attuato anche un diversivo, come se si trattasse di una battaglia: lo sgombero era previsto per lunedì 19 ottobre, quando sotto l’abitazione di Bruzzano si sono però radunati decine di militanti per il diritto alla casa. Le forze dell’ordine non si sono nemmeno presentate. Poi ieri mattina viene annunciato un altro sgombero, in via Ponale, ai danni di un signore di 80 anni. Tutti si recano in zona Fulvio Testi per fare resistenza ma dei carabinieri nemmeno l’ombra, che nel frattempo agiscono indisturbati a Bruzzano – dove gli inquilini delle case popolari sono quasi tutte donne e ragazze madri.

14457284_1757124521179151_1172321161207159051_nC’è anche il retroscena della guerra intestina alle stesse forze dell’ordine: il commissariato di Polizia della Comasina si rifiuta di inviare i propri uomini, inventa scuse, li disloca in altre zone. E allora la Prefettura invia cinquanta fra carabinieri e uomini in borghese. Appena la notizia si diffonde alcune donne del Comitato Niguarda scendono in strada, compiono azioni di boicottaggio nei confronti della gru che sarebbe servita a svuotare l’appartamento e per questo vengono caricate.

La lotta intestina alle forze dell’ordine: il commissariato di polizia della Comasina si è rifiutato di inviare i propri uomini. Inutile sgomberare una famiglia che fra 12 mesi si vedrà riconosciuti i requisiti per gli alloggi popolari

E il silenzio imbarazzante del Comune di Milano e della giunta, che al tavolo della Prefettura siede con i propri delegati dell’assessorato alla Casa. Nel 2011, durante la campagna elettorale, era stato promesso che nessuna famiglia in condizioni di estrema povertà e stato di necessità sarebbe stata cacciata di casa, messa per strada o nelle costose comunità fuori Milano – dove comunque gli uomini non entrano e le famiglie vengono separate.

E oltre alle promesse tradite, la sinistra milanese dimostra di non capire la portata politica del tema alloggi popolari e occupanti abusivi, di non avere nemmeno il minimo cinismo elettorale che serve in questi casi: tutti sanno – anche se nessuno si azzarda dirlo ad alta voce – che la strategia di Aler, controllata da Regione Lombardia, è quella di mettere pressione sulla giunta di centrosinistra. Ogni sgombero eclatante – non a caso sono aumentati per frequenza e intensità dalla scorsa primavera, nell’anno che porta alle elezioni comunali – lo pagano Pisapia&Co in termini elettorali. Chi viene viene cacciato di casa poi non ha voglia di distinguere fra palazzo Marino e l’azienda di viale Romagna.

In questi quartieri nel 2011 il centrosinistra ha sbancato ai seggi elettorali, basta guardare i dati del ballottaggio di fine maggio di quell’anno per rendersene conto. Se la situazione persiste qui si assisterà a un’emorragia di voti. Più difficile un travaso verso movimenti politici di destra, anche se da settimane si aggirano per tastare il polso esponenti di quel mondo, come Maurizio Lupi e Corrado Passera. Dei candidati alle primarie del centrosinistra invece nemmeno l’ombra, evidentemente troppo intenti a organizzare eventi nei teatri di corso Magenta e Porta Romana. Consiglio non richiesto ai progressisti del capoluogo lombardo: chi non ha una casa difficilmente gioisce del presunto successo di Expo o del bike sharing.

Un altro fatto noto, ma da sussurrare a bassa voce, è che se anche Aler recuperasse al 100 per cento i mancati affitti, resterebbe comunque nella casse dell’azienda una voragine di bilancio. La morosità, per Aler, è causa di meno di un terzo dell’indebitamento complessivo. Negli ultimi 20 anni gli investimenti sbagliati sono stati fatti in decine e decine di società partecipate, che costano molto e portano molti voti, in cambio di mansioni dalla dubbia utilità, come la cura delle aiuole pubbliche a Brescia. Ad aprile di quest’anno molte quote sono state dismesse, ma un serio piano di risanamento al momento non esiste. E ogni anno i dirigenti dell’azienda che gestisce oltre 60.000a alloggi in tutta Lombardia si recano al Pirellone col cappello in mano, implorando di mettere mano al portafogli pubblico.

In cambio di queste generose elargizioni si ottiene solo un trattamento al limite dell’inumano quando non semplicemente inutile: ieri sera il nucleo familiare sgomberato ha occupato un’altra abitazione, non avendo possibilità di fare diversamente. Quindi il bilancio della giornata in sintesi è questo: tre donne all’ospedale, 50 agenti di forza pubblica mobilitati (e pagati), una casa inagibile che va a ingrossare il nefasto patrimonio di 10.000 alloggi non abitabili per le fatiscenti condizioni e una famiglia occupante che rimane occupante semplicemente qualche centinaio di metri più in là. Abbiamo a che fare con dei talenti inauditi dei circoli viziosi a spese della collettività.

Mentre la giunta di Milano tace. Delle due l’una: o è favorevole a questo genere di azioni eclatanti e allora dovrebbe rivendicarlo e pagarne le conseguenze nelle urne, oppure è colpevolmente ignorante e ne pagherà le conseguenze nelle urne.

http://www.linkiesta.it/it/blog-post/2015/10/22/40-carabinieri-contro-8-donne-il-manuale-dello-sgombero-a-milano/23347/