Crea sito

Gente di marmo e anarchia

Gente di marmo e anarchia

“Per spaccare il marmo devi capire qual è la linea giusta, il suo verso. Se la segui, tagliarlo è facile. Se invece provi a tagliarlo diciamo al contrario, se vai contro il verso, non ci riesci: non c’è verso, proprio. E quello si chiama contro. Ecco, i carrarini hanno il contro in testa, sono duri, resistono, e non c’è verso di scalfirli. Non c’è il verso proprio”.

Marco Rovelli è uno scrittore che, nel 2012, ha scritto un libro sulle sue terre: Il contro in testa. Gente di marmo e d’anarchia. Oltre alle cave, Carrara è conosciuta per essere la capitale italiana del pensiero anarchico. Una delle ragioni storiche è proprio dovuta all’attività dei cavatori.

Le cave, dei beni comuni

La prima Camera del lavoro è stata costituita da alcuni cavatori anarchici. Rovelli ci spiega come il marmo abbia avuto un ruolo fondamentale nell’avere costruito l’identità politica e culturale di questo territorio: “Le cave erano dei beni comuni che appartenevano alle vicinanze, ossia alle comunità dei villaggi di montagna. Non erano private e non erano statali, erano beni comuni che, nell’Ottocento, furono privatizzate insieme dallo Stato e dal mercato. Vi è così stato un decadimento delle condizioni di vita dei cavatori e non è un caso se qui si diffonde l’anarchismo che fa riferimento ad una condizione in cui i beni erano comuni e di tutti”.

Si dichiara anarchico anche Diego Zampolini che incontriamo alla sede della Cooperativa scultori di Carrara.

Diego ci spiega la storia di amicizia, di lotta e di lavoro che ha portato alla nascita di questa cooperativa, nata lo scorso anno: “Io e i miei tre colleghi siamo stati lasciati a casa all’improvviso, dopo vent’anni di lavoro e con famiglia a carico, dalla nostra ex datrice di lavoro. Grazie ad un concatenarsi di coincidenze e al sostegno indispensabile del sindacato, di alcuni artisti e di alcune cooperative di cavatori ci siamo così messi in proprio”.

Diego e i suoi colleghi Riccardo, Raffaele e Andrea collaborano con artisti e gallerie di tutto il mondo: viene data loro un’idea, un bozzetto e loro lo riproducono in marmo, utilizzando le antiche tecniche della scultura.

Memorabile, il calco effettuato alla modella Naomi Campbell che ritroviamo nella sede della cooperativa, nel centro di Carrara. “Lavorare in questo contesto di cooperativa, senza padroni, per me è un sogno che si avvera – racconta Diego –. L’anarchia così come il marmo è parte integrante della mia città e della mia identità”.

“Il pensiero che oggi la montagna venga devastata, violentata, sbriciolata, per fare dentifrici fa davvero male”

Diego

Fine della citazioneChiediamo a Diego cosa ne pensa del business del carbonato di calcio. “La montagna ti dà qualcosa e il fatto che si possa nobilitare questo bene, dando magari una sensazione di gioia a chi vede una scultura o una piazza e che una parte della tua città è nei musei di tutto il mondo, è qualcosa che mi fa piacere. Il pensiero, però, che oggi la montagna venga devastata, violentata, sbriciolata, per fare dentifrici fa davvero male”.

Una legislazione di stampo settecentesco
Oggi Carrara, più che del marmo e dell’anarchia, è semmai considerata un simbolo della malapolitica. A differenza di tutte le città d’Italia, detiene una risorsa estratta da pubblico demanio e la sfrutta ad esclusivo beneficio di un ridotto gruppo di ricchi personaggi, con una legislazione di stampo settecentesco a fare da corollario.

Come ci spiega Franca Leverotti, professoressa universitaria in pensione, che ci accoglie nella sua bella casa alla periferia di Massa, il grosso delle norme che regolano l’uso e le concessioni degli agri marmiferi risale al 1750.

Da anni Franca Leverotti denuncia l’irrilevanza dell’entità oggettiva dei beni estimati, cioè di quella sorta di concessioni perpetue che Maria Teresa D’Este fece per premiare i suoi più fedeli sostenitori tra coloro che lavoravano le cave. “Come mai oggi c’è un altissimo numero di cave estimate, come mai la superficie dei beni estimati si è dilatata?” ci chiede provocatoriamente.

L’esperta ha studiato attentamente le carte del catasto di Massa Carrara del 1823 proprio in relazione all’entità dei beni estimati che sono l’inizio dell’intricatissima matassa che costituisce il rapporto tra il mondo del marmo ed il comune di Carrara. Quello che è emerso è che i proprietari di cava si sono di fatto impossessati di un bene che non era loro.

Per la sua attività di denuncia della lobby del marmo e della maniera con la quale pochi imprenditori si sono accaparrati dei beni pubblici, la docente ambientalista si è beccata diverse denunce da parte degli industriali. Denunce che sono sempre state respinte dai giudici.

 

 

Il vero significato di ANARCHIA non è “caos” ma ASSENZA DI PADRONI

Il vero significato di ANARCHIA non è “caos” ma ASSENZA DI PADRONI

Il vero significato di ANARCHIA non è “caos” ma ASSENZA DI PADRONI

Quando un piccolo gruppo, specialmente un piccolo gruppo di predatori puri, vuole dominare l’intera umanità deve utilizzare varie strategie, la più importante delle quali è quella di insinuare nelle menti un’ingannevole visione del mondo studiata bene a tavolino, costruita ad hoc per il solo loro beneficio.

Ai predatori-psicopatici puri, protagonisti della classe dominante, si aggregano “a grappolo” gli psicopatici secondari, ossia quelli che si atteggiano come predatori puri, ma che in verità non lo sono e che diventano gli esecutori diretti della distorta visione del mondo dei loro padroni.

C’è una grande differenza tra predatori puri e predatori secondari.
I predatori puri sono circa il 3-4% della popolazione e quelli secondari sono circa il 18%.

Quelli puri, almeno fino ad oggi, lo sono dalla nascita e non possono essere recuperati in alcun modo; nascono e muoiono predatori.

Già due anni fa infatti il MIT (Massachusetts Institute of Technology) era riuscito a isolare l’empatia nel cervello usando campi elettromagnetici, e sviluppando per uso militare elmetti che permettano di uccidere senza scrupoli come è possibile ai predatori puri. Senza consapevolezza e presa di coscienza la tecnologia porta ad esserne schiavi e da essa condizionati; mai da sola la tecnologia ci aiuta a migliorare realmente…

Insieme alla paura l’arma più potente che hanno i suddetti dominatori è proprio un’ ingannevole visione del mondo costruita grazie a falsi ideologici (quali il darwinismo sociale e il relativismo morale), a scienziati corrotti (un giorno il caffè fa bene, il giorno dopo invece fa male), a religioni che manipolano le menti (il concetto salvifico paralizzante cristiano o il siamo tutti buoni dei new age) etc…

Uno degli esempi eclatanti di tale ingannevole visione del mondo è il “religioso autoritarismo”.

Ossia l’accettare (senza termini e condizioni, senza farsi domande, con totale e cieca fede) che alcuni individui reclamino e rivendichino in vari modi la loro autorità sugli altri: i governi con le loro leggi e le loro forze dell’ordine, lo stato con le sue tasse, le banche con il loro sistema monetario (che supera di gran lunga qualsiasi strozzino su questo pianeta).

I capi religiosi con i loro diktat e con le loro continue oblazioni per guadagnarsi il paradiso.

In natura questo non esiste.
Nessun albero rivendica la sua autorità sull’ombra che offre al passante che cerca riposo o nessun leone va dagli altri animali e chiede il dazio per permettere loro di continuare a rimanere vivi…
A differenza dell’albero e del leone l’essere umano, avendo il linguaggio, è capace di creare ed esprimere concetti. E’ proprio questo il punto. I concetti non sono rigidi o fissi come le leggi della natura.

Perché allora rimanere ancorati ad alcuni di essi?
Perché non n’esplorarne altri? Perché accettare senza termini e condizioni un punto di vista del mondo piramidale costruito da pochi per il privilegio di pochi ai danni di molti?

Vi siete mai chiesti se sia giusto
che alcuni individui rivendichino il loro potere sugli altri con giustificazioni
più o meno razionali?

In natura non esiste l’autoritarismo, tra gli uomini esiste invece la rivendicazione dell’avere tale potere sugli altri e considerare un “giusto” diritto (acquisito o meno) esercitarlo. Non è così. L’unica autorità legittima nell’universo è quella derivante dai suoi limiti e dalle sue condizioni: Le leggi naturali.

Non le leggi naturali conseguenti al falso ideologico del perverso darwinismo sociale, la legge del cosi detto più forte; infatti non si è mai visto un leone o un lupo predare all’interno della propria specie e/o proclamarsi “re degli animali”. Nella realtà naturale quindi non esiste l’autorità in quanto tale.

Perché quindi si accetta l’autorità?

La si accetta perché viene imposta con tecniche psicotroniche (provocando esaltazione e depressione con l’uso dei media, imponendo caldo, freddo ed emissioni elettromagnetiche provocanti disagio morale e dolore fisico) con l’uso improprio e distorto del sesso quale mezzo per degradare l’individuo e con l’eliminazione dell’identità dell’individuo.

La si accetta perché si continua a subire un ingannevole visione del mondo con gli uomini suddivisi in padroni e schiavi.
Padroni proprietari di schiavi e schiavi proprietà dei padroni.

Le parole vengono confuse, alterate e distorte dando loro significati alterati. Andrebbero sempre ricondotte al loro vero significato studiandone l’etimologia. In questo la parola Anarchia ci viene in aiuto; proviene da due radici greche:

1) A o an che significa la negazione di, l’assenza di o la mancanza di (es. apatia=assenza di sentimenti)

2) Archia viene da Arconte che nella Grecia antica era il magistrato supremo che governava o il governante.

Quindi Anarchia significa semplicemente l’assenza di arconti-governanti e di padroni proprietari di schiavi e quindi la negazione dell’esistenza di padroni e schiavi.

Chi abbraccia una visione del mondo
in cui non esiste dominatore e dominato
e padrone e schiavo è per definizione
un “Anarchico”.

Non ci sono vie di mezzo: o si accetta un mondo di carnefici e vittime, di dominatori e dominati, di padroni e schiavi o si ha una visione del mondo che neghi tutto questo. I “padroni” volendo continuare a dominare hanno associato la parola anarchia al caos, spacciando l’accettazione della schiavitù e l’essere proprietà di un padrone come necessità per evitare il caos.

La parola anarchia non ha nulla a che fare con il caos anzi è vero il contrario; solo quando ci sono individui che impongono la loro autorità con violenza su altri c’è il caos, non quando la società è composta da individui sovrani senza padroni e senza schiavi nel rispetto di ciascuno.

Solo quando c’è la vera libertà di esistere in un mondo senza padroni e senza schiavi c’è l’ordine e non il caos. Se ci si considera sovrani e si comprende (consapevolmente o inconsapevolmente) di non essere schiavi si è liberi e “anarchici” nella corretta accezione.

E’ importante distinguere la differenza tra forza e violenza: solo quando effettivamente si comprende cosa significhi “violenza” si può realizzare la differenza tra avere un diritto o non averlo.

Forza e violenza sono infatti
diametralmente opposte.

La forza è un diritto che ci appartiene e rimane sempre un diritto. E’ capacità ed energia da cui scaturisce il nostro modificare la realtà. Costruire, pulire o spostarsi sono parte del concetto di forza che viene applicata quotidianamente in armonia con le leggi naturali e senza violare i diritti degli altri.

Quando si usa la forza in maniera coercitiva contro la libertà degli altri e la si usa contro un essere pacifico e tranquillo, disturbando, danneggiando, privando di sicurezza e serenità, giungendo perfino all’estremo limite dell’omicidio o dell’induzione al suicidio non è più forza, ma violenza.

La violenza non è mai un diritto e viene dalla parola “violare” ossia introdursi in uno spazio che non è proprio mettendo a rischio la sicurezza e la serenità altrui, è l’uso immorale e coercitivo del potere fisico e non solo contro gli altri.

Nell’ideologia dell’aggressione, nel mondo dei padroni e degli schiavi, la violenza è la regola e prevaricare è la normalità:

– Violenza è imporre leggi che non considerano l’Essere Umano.

– Violenza è salvare le banche (sono comunque imprese private, quindi con scelta di rischio) a scapito degli Esseri Umani.

– Violenza è richiedere continuamente tasse e interessi stratosferici, considerare l’Essere Umano solo come un consumatore; non occuparsi in alcun modo delle necessità della popolazione etc…questa è violenza!

L'”arcontista” (l’opposto dell'”anarchico”) è chi vuole un mondo a beneficio e a privilegio di pochi, con la visione di una società fatta di violenza, di padroni e schiavi, di carnefici e vittime, di parassiti e parassitati.

Chi vuole invece un mondo di individui “sovrani” senza violenza e senza padroni, a beneficio e nel rispetto di tutti: Esseri Umani, animali, la natura, il pianeta, può essere chiamato “anarchico”.

Vi siete mai chiesti quale sia l’obbiettivo principale dell’educazione scolastica?

E’ quello di condizionare e di fare accettare un mondo fatto di padroni e schiavi e trasformare tutti in “arcontisti” che continuino a sostenere l’ingannevole e limitante pensiero unico dell’autoritarismo in tutti gli aspetti della nostra società.

L’Anarchia degli Indiani D’America

L’Anarchia degli Indiani D’America

La libertà dell’individuo era considerata praticamente da tutti gli indiani a nord del Messico come una regola infinitamente più preziosa del dovere dello stesso individuo verso la sua comunità o la sua nazione. Il fenomeno di singoli individui, o piccoli gruppi, che abbandonavano la tribù di origine per unirsi ad un’altra dello stesso ceppo linguistico era piuttosto comune. La mancanza di un’organizzazione statale portò gli europei a considerare i nativi americani dei selvaggi.

L’uomo indiano non aveva obblighi di lavoro o di tributi verso alcun suo simile: cacciava e lavorava unicamente per soddisfare i bisogni propri e della propria famiglia, e una volta soddisfatti questi, poteva dedicare il suo tempo al riposo, alla danza, ad altre arti.

Risultati immagini per indiani d’america dipinti
Il rispetto delle regole veniva assicurato da associazioni di volontari, che erano di due tipi: di polizia e civili. Esse mantenevano l’ordine, anche durante i trasferimenti degli accampamenti, avevano funzione di sorveglianza dei campi, e di far sì che venissero rispettate le regole di caccia e sull’abbattimento degli alberi (cosa che poteva allontanare la selvaggina).

Un bracconiere non veniva privato della libertà, ma gli veniva imposta la consegna delle armi e il sequestro della selvaggina.

Il capo tribù non aveva alcuna autorità sui suoi membri.
Risultati immagini per capo indianoDurante la pace era il portavoce della comunità, un buon oratore per parlamentare con gli altri capi, ma la sua parola non aveva “forza di legge”: può persuadere solo con la parola, non ha altri mezzi di coercizione a disposizione. Era anche l’uomo più generoso della tribù, che faceva grandi dono durante le festività e faceva sì che il bottino delle scorrerie venisse spartito in maniera equa.

Durante la guerra (e non è detto che il capo di pace e il capo di guerra coincidessero) rivestiva un ruolo importante, di guida e strategico. Molto spesso era un guerriero abile, in cui gli altri guerrieri avevano fiducia: si creava così una sorta di obbedienza naturale.

E se il capo cercava di spingere la tribù in guerra solo per sua gloria personale, i guerrieri lo abbandonavano rifiutando di seguirlo. Era il capo ad essere al servizio della tribù, e non viceversa.

Le decisioni più importanti della tribù (guerra, pace, caccia) erano prese da un “consiglio”, il più delle volte formato dagli anziani, dal capo e a volte anche dai membri delle associazioni. Per ogni decisione era necessaria l’unanimità, ma nessuna decisione poteva mai attentare alla libertà individuale di un consociato. I conflitti personali si regolavano attraverso la mediazione del capo o di un familiare. I membri del consiglio, come i capi, erano scelti da tutti gli adulti della comunità.

La guerra aveva due funzioni: da una parte un significato rituale, necessario alla stabilità del gruppo, dall’altra impediva la formazione di vaste comunità, e quindi l’emergere stesso di entità politiche superiori all’individuo (statali, dunque).

Lo stato di guerra era dunque permanente nella società indiana, ma non aveva come obiettivi ingrandimenti territoriali o conquiste di risorse naturali. Era connaturata al sentimento religioso – di qui il dipingersi il corpo, i canti di guerra – e nessuno era obbligato a parteciparvi.

I giovani la vedevano come opportunità per ottenere prestigio.
Risultati immagini per indiani d’america dipintiPer provare la sua bravura il guerriero indiano non doveva per forza uccidere il suo avversario, ma gli bastava vincere una prova assegnatagli dalla tribù: sciogliere e portar via un cavallo dal campo, appropriarsi dell’arco di un nemico in un corpo a corpo, colpire l’avversario con la mano (presso i Crow), rubare un fucile o la pipa da cerimonia (presso i Piedi Neri).

Erano guerre lampo, la maggior parte delle volte, cui non facevano seguito prerogative di una tribù su un’altra o massacri della tribù sconfitta. Fra le diverse tribù si stringevano spesso delle alleanze, che quando diventavano durature si trasformavano in leghe. Queste leghe avevano competenza però solo per gli affari di guerra, non ledendo in alcun modo la “sovranità” delle singole tribù.

Questa visione “anarchica” era presente in tutti i comportamenti, a partire dall’unità sociale più piccola, la famiglia.

L’idea di padre-padrone
sul continente americano fu portata dagli europei.

Il genitore indiano era tendenzialmente restio a punire i figli.
Le loro dimostrazioni di caparbietà erano sempre accolte come un’indicazione propizia dello sviluppo di un carattere che stava maturando.

Riguardo le donne, la credenza che si diffuse tra i bianchi che uno sposo “comprasse” la moglie era falsa.

Risultati immagini per indiani d’america dipinti
Non si trattava dell’acquisto di una persona, bensì di un “risarcimento” da parte del giovane alla famiglia della ragazza, alla quale toglieva una parte importante della forza-lavoro: le donne della tribù, infatti, svolgevano mansioni come cucinare, conciare le pelli, preparare la carne dal conservare per l’inverno, e di organizzare il trasporto delle masserizie durante il trasferimento degli accampamenti.

Nella società indiana vi era una grande libertà sessuale (usavano delle tisane come contraccettivo e non c’era alcun obbligo di castità prematrimoniale) e furono poche le proibizioni sociali che riguardavano le donne. Il divorzio poteva essere ottenuto semplicemente se entrambi i coniugi fossero stati d’accordo.

Quando il capo Oglala Nuvola Rossa fu invitato a Washington DC per negoziare la pace con il Presidente Grant, la sua delegazione comprendeva 16 uomini e 4 donne. Le delegazioni di bianchi impegnate in politica, all’epoca e per molto tempo dopo, erano esclusivamente maschili…

L’omosessualità non era uno scandalo.

Gli indiani dei gruppi Sioux, ad esempio, avevano un grande rispetto per omosessuali ed ermafroditi: li chiamavano “mezzi uomini” (ma non c’era un senso spregiativo), e a loro veniva affidata una funzione divinatoria e cerimoniale all’interno della tribù. Le predizioni dei mezzi uomini erano tenute in molta considerazione.

Questa testimonianza storica serva di lezione a tutti quelli che, imprigionati dai mezzi di comunicazione di massa, credono erroneamente che l’omosessualità sia una faccenda solo degli ultimi tempi, anche in questo caso dunque, la società “selvaggia” indiana ci da una grande lezione di umanità, ponendo massimo rispetto verso chi scegli di vivere la propria sessualità in modo diverso dalla massa.

Il contatto con la “civiltà”
ruppe l’incantesimo di questa società libera.

Eppure molti europei, all’inizio della colonizzazione, erano estasiati dal modo di vivere libero dei nativi. Provenendo da territori dove le convenzioni statali, sociali e religiose erano opprimenti, videro nella vita con gli indiani un occasione di riscatto.

In molti abbandonavano l’esercito, il villaggio, la nave e la famiglia per unirsi alle tribù. La situazione era così “grave” agli occhi delle autorità del XVII secolo, che il governatore della Virginia stabilì pene severissime per i fuggiaschi. Il missionario Sagard osservò che “i francesi divengono dei selvaggi non appena cominciano a vivere a contatto con i selvaggi”.

Risultati immagini per indiani d’america soldati blu

Questa fuga di massa dei bianchi dal gregge civilizzato da cui provenivano si rinnovò all’improvviso negli anni 60′ del secolo scorso, quando giovani europei, stufi delle rigide regole sociali e statali imposte dai governi delle società bianche, decisero di ribellarsi e non a caso imitando proprio gli Indiani, stiamo ovviamente parlando degli Hippie, che uniti bruciarono carte d’identità e passaporti, dormivano in tende e furgoni, mangiavano all’aperto sotto cieli stellati, organizzavano feste che duravano molti giorni e fuggivano le città e la vita industriale segnata dal lavoro, preferendo la povertà controllata, l’ozio ed uno stile di vita molto indiano.

Questa ribellione di massa preoccupò non poco gli apparati di potere occidentali che corsero ai ripari sguinzagliando Tv e giornali per dipingere gli Hippie come dei giovani sbandati, drogati e privi di amore per la patria, giustificarono così repressioni e arresti, trattamenti sanitari obbligatori nelle psichiatrie, tutto questo per riportare le pecore nere al loro gregge originario…

Ma lo spirito indiano che ispirò gli Hippie è ancora presente nell’aria europea ed oggi è vivo più che mai negli ecovillillaggi, nei giovani che fondano comunità autosufficienti e coltivano la terra, in quelli che fuggono dalla vita civile per girare il mondo e stabilirsi proprio in quelle zone considerate “primitive”, dove la vita profuma ancora di sana anarchia, che lontana dal termine dispregiativo occidentale che vuole a tutti i costi associarla alla parola “caos”, significa piuttosto libertà, quella libertà che gli Indiani d’America ci hanno insegnato, quella stessa libertà che la rigida mente occidentale non ha mai accettato e che tutt’ora continua a punire gli Indiani per quello che ci hanno insegnato.

Riassumendo in sintesi:

– Gli Indiani D’America non avevano uno Stato.

– Le guerre non avevano lo scopo di conquiste e di espansione bensì di evitare che si creasse una singola autorità che dettasse leggi sugli altri individui.

– La libertà dell’individuo era al primo posto e in nessun modo si tentava di porre limitazioni a queste libertà individuali.

– Il lavoro era limitato al procurarsi da mangiare, non esistevano orari da rispettare, sveglie ne ordini da eseguire, ognuno era il padrone di se stesso e poteva usare il proprio tempo come gli pareva.

– Le regole venivano fatte rispettare da una sorta di polizia locale che non aveva lo scopo di punire, bensì di educare,

– Il Capo Tribù non esercitava autorità sui membri della propria comunità, ma si limitava invece ad essere una guida saggia in grado di placare gli animi e dare consigli al momento opportuno, niente tiranni, niente dittatori nelle società indiane!

– Tutte le decisioni importanti riguardo il futuro delle comunità venivano prese attraverso dei consigli locali, discutendone con TUTTI.

– Non esistevano padri-padroni, la famiglia era ugualitaria e la donna valeva quanto l’uomo, nessuno dunque esercitava autorità sui propri figli o le proprie mogli.

– Il sesso era libero, non c’era monogamia e per evitare gravidanze indesiderate gli sciamani davano alle giovani donne tisane a base di erbe in grado di fungere da contraccettivo.

– Le donne non venivano vendute come i nostri antenati bianchi hanno voluto farci credere, bensì il maschio usava dare un riconoscimento economico ai genitori della donna con la quale voleva andare a vivere, in quanto la mancanza della figlia significava perdita di forza-lavoro famigliare.

– L’omosessualità non era uno scandalo, i “diversi” venivano rispettati da tutti i membri della tribù.

Gli Indiani erano in sostanza un popolo anarchico, libero e felice, i colonizzatori bianchi che provenivano da un sistema già marcio allora, non sopportarono tale accecante visione di vita e da brava oppressi cercarono in tutti i modi di distruggerli non solo materialmente e fisicamente, ma anche spiritualmente, quest’ultimo tentativo, nonostante i lunghi secoli di sterminio ed oppressione, non gli è mai riuscito, in quanto gli Indiani conservano tutt’ora un forte legame spirituale con al Terra ed il proprio popolo, la lotta contro l’oleodotto a Starting Rock di questi mesi ne è il chiaro esempio!