Crea sito

L’Italia avrà la legge di censura più stupida della storia europea

14141613_1379123055449252_1724435820531235820_nPrepariamoci all’ennesima legge bufala mediatica con lo scopo di far finta di risolvere i problemi, dando un colpo al cerchio e uno alla botte: censurando i mezzi di informazione.

Lo scrive impietosamente Cory Doctorow sostenendo che, secondo la proposta di legge, i gestori di siti dei mezzi d’informazione, i blogger, i quotidiani e i social network, saranno obbligati a censurare la “derisione” delle “condizioni sociali e personali” della vittima, vale a dire qualsiasi cosa il destinatario consideri un’offesa personale. La sanzione per chi non prende misure adeguate a eliminare la presunta offesa è una multa di centomila euro. Il fatto di aver affermato cose vere non servirà a difendersi: si giudica l’offesa personale, non se un’affermazione è vera o falsa.

14034704_1348969721798025_3413663264631149114_n
Una questione veramente comica che non fermerà il bullismo, le molestie o altre porcate in Italia visto che le sedi sono tutte all’estero, ma creerà uno strumento di censura, senza la possibilità di un processo equo o una sanzione per gli abusi. Il criterio avanzato nella proposta di legge è semplicemente il fatto che una persona si senta danneggiata.
Come ogni legge di diritto civile, la proposta di legge italiana favorisce i ricchi e i potenti, che sono in una condizione migliore per affrontare una causa in tribunale. Basti pensare alle vecchie leggi sulla diffamazione nel Regno Unito, che per decenni hanno protetto i potenti e i corrotti che abusavano sessualmente e impunemente dei bambini: un falso segreto che nessuno osava denunciare.

Come ogni legge di diritto civile, la proposta di legge italiana favorisce i ricchi e i potenti, che sono in una condizione migliore per affrontare una causa in tribunale. Basti pensare alle vecchie leggi sulla diffamazione nel Regno Unito, che per decenni hanno protetto i potenti e i corrotti che abusavano sessualmente e impunemente dei bambini: un falso segreto che nessuno osava denunciare.