Cile, l’altro 11 settembre

A Santi14095707_10154851131793912_4352938793457113043_nago del Cile, l’11 settembre 1973, con un colpo di Stato le forze armate guidate da Augusto Pinochet rovesciano il governo socialista di Salvador Allende, che muore durante l’assedio al palazzo presidenziale, dopo aver gridato attraverso Radio Magallanes le sue ultime parole: “Viva il Cile!, Viva il popolo!, Viva i lavoratori!”.

 

 
La giunta militare instaura un regime dittatoriale che resterà al potere per 17 anni, mentre il presidente deposto diviene un’icona pur non esente da controversie. Il regime di Pinochet non trascura di trasferire nel proprio ricordo, tra le altre cose, omicidi e deportazioni di massa: sono circa diecimila i cileni torturati, e centinaia le migliaia di persone costrette all’esilio. La distruzione delle istituzioni democratiche è veloce e capillare. A tutto si sostituisce il dominio militare.14034704_1348969721798025_3413663264631149114_n

 

Il ruolo degli USA nel colpo di Stato rimane una questione controversa. Documenti declassificati durante l’amministrazione Clinton mostrano che il governo degli Stati Uniti e la CIA avevano cercato di rovesciare Allende nel 1970, immediatamente dopo la sua elezione.

Del resto, Henri Kissinger parlò chiaramente circa l’elezione di Allende in Cile: “Non vedo perché dovremmo restare con le mani in mano a guardare mentre un Paese diventa comunista a causa dell’irresponsabilità del suo popolo. La questione è troppo importante perché gli elettori cileni possano essere lasciati a decidere da soli.”14034704_1348969721798025_3413663264631149114_n

Il 10 settembre 2001, venne aperta una causa da parte della famiglia del Capo di Stato Maggiore cileno René Schneider, che accusava l’ex segretario di Stato statunitense Henry Kissinger di aver organizzato l’assassinio del generale nel 1970, perché questi si sarebbe opposto ad un colpo di Stato militare. Ma i documenti della CIA indicano che mentre questa aveva discusso possibili piani per il suo rapimento, la sua uccisione- commessa da un gruppo di militari ribelli con contatti CIA- non fu mai prevista. A quanto pare, Nixon e Kissinger avevano deciso una settimana prima dell’uccisione, di Schneider che il generale Viaux non era adatto per il colpo.
I giornali riportarono la notizia l’11 settembre del 2001, ma fu oscurata dalla grande tragedia delle Torri gemelle.

Precedente 11 settembre: sacrificati e sacrificabili Successivo Torneremo tutti agricoltori, e potrebbe essere la nostra salvezza