Crea sito

Spaccabraccia è imparziale: migranti o operai, basta menarli

Spaccabraccia è imparziale: migranti o operai, basta menarli

Dal nostro punto di vista, però, l’anonimo “Spaccabraccia” andrebbe in qualche modo addirittura ringraziato: la sua indifferenza al tipo di manifestante che si trova davanti – metalmeccanico, migrante, oppositore politico, sindacalista neanche troppo estremo, ecc – dimostra un’imparzialità di pestaggio che liquida come una vera idiozia tutto l’armamentario della “guerra tra poveri”. La lunga lista di “capri espiatori” con cui si cerca di scaricare la rabbia sociale su gruppi ancora più deboli (“i negri” sono ovviamente all’ultimo gradino della scala) viene infatti stracciata dal manganello “Spacca braccia”.

Ora è il momento in cui il governo, il ministro dell’interno, la Regione Lazio, la giunta romana, devono correre ai ripari e mettere una toppa alla figuraccia da neonazisti di Charlottesville fatta con i rifugiati richiedenti asilo di Piazza Indipendenza.

Pare – la fonte è Repubblica, dunque è bene diffidare – che Miniti in persona stia facendo stilare le “nuove linee-guida che le questure dovranno seguire per effettuare gli sgomberi. “La prossima settimana – dice una fonte qualificata del ministero dell’Interno a Repubblica – scriveremo nuove linee guida per effettuare gli sgomberi ordinati dai giudici, e le invieremo a tutti i prefetti d’Italia. Tra le disposizioni ci sarà sicuramente quella di non autorizzarli se prima non è stata concordata una sistemazione dove alloggiare chi ne ha diritto”.

Sembra una buona notizia, ma non lo è. Intanto, sembra davvero sorprendente – per usare un eufemismo – che finora il ministero (dunque il governo e giù per li rami, fino all’ultima amministrazione comunale) abbia proceduto a buttare gente in strada in assenza di alternative abitative. Sappiamo benissimo che hanno sempre fatto così, ma scriverci una circolare apposita è una confessione che va registrata come tale e ricordata ogni volta che vi dicono “siamo dalla parte dei cittadini” o “noi combattiamo il razzismo”.

In secondo luogo appare altrettanto certo che le nuove direttive saranno concepite in modo da “sorprendere” gli sgomberandi e gli organi di informazione, in modo da far circolare meno immagini possibile delle violenze poliziesche.

Dai media mainstream, oltre a immagini e video mandati da cittadini, non arrivano segnali di resipiscenza. Stamattina – probabilmente riprendendo “veline” della questura – è tutto un fiorire di sketch scandalizzati sul “palazzo occupato”, in cui sarebbero stati accolti anche “irregolari” non meglio specificati, in cambio di un “affitto” (ben 10 euro…) raccolto da qualche capo-comunità.

Un classico copione in cui si rovescia la catena delle resonsabilità per criminalizzare chi è già stato sgomberato, pestato, deportato o costretto alla fuga. La sequenza giusta è questa: lo Stato ha disatteso il suo obbligo a rispettare le norme internazionali sui rifugiati e richiedenti asilo, perché dopo aver giustamente accolto chi era in fuga dalla guerra, si è completamente disinteressato del passo successivo: facilitare l’integrazione. Insomma, la lasciato per strada gente che andava viceversa aiutata (non “assistita”) a trovare una sistemazione esistenziale. Costrette ad “arrangiarsi” – pari pari a gran parte della popolazione indigena, ossia gli italiani – queste persone hanno trovato soluzioni di fortuna, che in alcuni casi sono rappresentate dalle occupazioni di stabili vuoti e inutilizzati. Di cui in genere i proprietari si ricordano solo quando hanno trovato una combinazione speculativa favorevole. Tra le soluzioni di fortuna, come noi italiani abbiamo insegnato al mondo da emigranti, c’è a volte anche l’aiuto reciproco interno alle varie comunità etniche; un aiuto non sempre amichevole, perché le soluzioni di fortuna sono costitutivamente patogene per chi è costretto a farvi ricorso.

Mostrarsi scandalizzati perché questo accade, dopo aver disatteso ogni impegno concreto perché non potesse avvenire, è la riprova della sozzura intellettuale che appesta tutto il circuito della “classe dirigente”, dai cosiddetti “politici” agli opinionisti iperpagati, fino all’ultimo dei cronisti precari che sperano in un’assunzione mostrandosi servili (a proposito di “soluzioni di fortuna” che generano patologie…).

Chi invece non ha alcuna scusante patologico-ambientale è l’anonimo funzionario “spaccabraccia”, quello che ordinava agli agenti di “far sparire” quell’insieme umano per lui tanto odioso.

Una comparazione tra i video girati in piazza dopo lo sgombero dei rifugiati e quello della trasmissione di RaiTre Gazebo di tre anni fa ha dimostrato che si tratta proprio dello stesso funzionario che aveva ordinato le cariche contro gli operai della ThyssenKrupp di Terni, guidati dall’allora segretario generale della Fiom Maurizio Landini.

Il 29 ottobre 2014, sempre a Piazza Indipendenza (evidentemente la location gli appare per qualche ragione “perfetta”, o semplicemente il suo ufficio è ubicato nei pressi…), di fronte ai lavoratori della fabbrica di Terni che intendevano raggiungere la zona dei ministeri imboccando via Solferino, presidiata dalla polizia, ordinò “caricate! Caricate!“. Senza altre frasi rivelatrici.

Anche allora la questura non mancò l’occasione per coprirsi di vergogna e ridicolo. Giustificò infatti la carica asserendo che “i manifestanti intendevano occupare la stazione Termini”.Altro che “processo alle intenzioni”, in quel caso c’era anche una sentenza preventiva…

Stavolta le parole del funzionario – registrate da tanti microfoni – non potevano essere coperte con giustificazioni di alcun genere. Un po’ troppo esplicite, diciamo…

Per questo potere siamo tutti uguali. Tutti da “far sparire”, da mandare all’ospedale o in galera se appena appena alziamo la testa. Che si sia nati a “Torbella”, a “Torpigna” o ad Addis Abeba… Sarebbe il caso di rendersene conto.

Pestato a morte, l’amico di Niccolò: nessuno ci ha aiutati contro quelle belve

Pestato a morte, l’amico di Niccolò: nessuno ci ha aiutati contro quelle belve

“Niccolò ha tentato di difendersi ma non ce l’ha fatta, l’abbiamo visto cadere, abbiamo cercato di fare il possibile per salvarlo ma le abbiamo prese. Non sapevamo come difenderci da quelle belve”. Così Alessandro Cattani, amico del giovane Niccolò Ciatti, ucciso a Lloret de Mar dopo un pestaggio, racconta l’accaduto a Repubblica. “Abbiamo chiesto aiuto più volte, ma inutilmente. Anche quando i tre aggressori sono scappati abbiamo urlato alla gente di aiutarci. Ma nessuno si è fatto avanti”, afferma. Nemmeno buttafuori e staff del locale, “nessuno”. “Nessuno è corso a salvare Niccolò. Invece avrebbero potuto fermare quelle belve… Noi non ci siamo riusciti, come potevamo da soli… Tutti noi amici di Niccolò ci siamo buttati in mezzo, ma siamo ragazzi normali, non c’eravamo mai trovati in una situazione del genere. Abbiamo cercato di proteggere Niccolò ma le abbiamo prese tutti e siamo caduti a terra. Abbiamo fatto il possibile ma non e’ bastato”. “Quando è scoppiato il finimondo, io ero poco più avanti, e Niccolò invece stava camminando dietro di qualche metro. All’improvviso tra la folla è stato spintonato da qualcuno, come succede spesso in discoteca. Niccolò si è girato per capire ed è stato colpito da uno dei giovani. Erano delle bestie, non delle persone. Non si sono fermate neanche vedendolo a terra e gli hanno tirato una pedata. E’ stato incredibile, sembravano matti. Gente addestrata a colpire. Senza scrupoli”.